Il ritorno di una grande titolo nel suo terzo capitolo, più terrificante e adrenalinico che mai...RESIDENT EVIL 3 risorge in tutto il suo splendore dopo 21 anni...

Dopo due settimane dalla sua uscita ufficiale, siamo qui per parlarvi dell’ultimo remake targato Capcom, ovvero Resident Evil 3.

A distanza di un anno dal precedente Resident Evil 2: Remake, la casa di Osaka torna a deliziarci con un nuovo tuffo nei ricordi, riportandoci nuovamente per le strade di Raccoon City ad affrontare i suoi innumerevoli pericoli.

Trama

La trama si basa sempre sulla fuga di Jill Valentine dalla città che verrà perennemente braccata dalla terribile arma biologica denominata Nemesis.

A differenza della precedente versione, molti eventi della storia hanno subito uno stravolgimento tale dal differenziarsi totalmente da quello che i fan di vecchia data si ricorderanno, alcuni di questi sono ad esempio l’inserimento di nemici non presenti in precedenza e la conseguente rimozione di altri, vedremo nuove ambientazioni che sono andate a sostituire quelle vecchie, altri invece riguardano i personaggi di gioco, molto marginali in precedenza, ora con un ruolo più importante.

Una parte molto importante di questo cambiamento riguarda Carlos, il mercenario che aiuterà Jill per tutto il corso del gioco, al quale hanno aggiunto una nuova sezione nella quale potremo vestire i suoi panni.

Gameplay

Il livello del gameplay non è cambiato molto rispetto al precedente capitolo, una delle differenze la vedremo nella rimozione della possibilità di utilizzare le armi secondarie come difesa in caso di presa dei nemici, al suo posto invece ora avremo due mosse, la schivata con Jill e il pugno con Carlos, le quali se eseguite nel momento giusto ci daranno pochi secondi di slow motion nel quale avremo il tempo di prendere la mira e sparare.

Un’altra aggiunta rispolverata dalla vecchia versione e la possibilità d’interagire con oggetti presenti nel livello come barili esplosivi o generatori elettrici, che se colpiti serviranno ad uccidere o rallentare i nemici che ci troveremo davanti.

Purtroppo la longevità ne ha subito parecchio, vedendo molte delle bellissime ambientazioni tagliate con i conseguenti enigmi, che ne riducono la durata ed anche la rigiocabilità, vedendo degli asset riciclati dal vecchio remake.

Un’altra cosa che è stata tagliata è la possibilità di scelta in base a determinate azioni ed eventi che avvenivano nella prima versione del gioco, portandoci ad un solo finale possibile. Non vi è presente nemmeno la modalità secondaria “Mad Jackal” grazie alla quale potevamo sbloccare armi infinite da utilizzare poi nel gioco, sostituita da una serie di sfide da completare in-game che ci daranno dei punti da utilizzare in uno shop che si sbloccherà alla fine della nostra prima partita.

I nemici che ci troveremo ad affrontare hanno subito qualche modifica al capitolo originale, alcuni sono stati eliminati definitivamente, altri modificati e inseriti alcuni che non erano presenti precedentemente.

Comparto Tecnico & Audio

Per quanto riguarda il lato tecnico, Capcom ha svolto un discreto lavoro, non ci sentiamo di dire che sia stato ottimo perchè nonostante abbiano cercato di sfruttare al meglio il RE Engine, hanno lasciato dei piccoli difetti grafici che saltano subito all’occhio, uno dei quali è la presenza di un netto calo di frame per quanto concerne gli zombie in lontananza o che fanno da “sfondo” allo scenario, un vero peccato dato l’impegno messo per la ricostruzione di una Raccoon City piena di cartelloni pubblicitari ed insegne al neon, con dei bellissimi giochi d’ombre e riflessi.

Un altro dettaglio che ci è saltato subito all’occhio e dato molto fastidio riguarda una delle sequenze di gioco dove ci ritroveremo a fuggire da un’enorme testa gigante che rotolerà verso di noi che, nonostante tutto, non distruggerà nulla al suo passaggio.

Come nel precedente capitolo, il comparto sonoro è quasi totalmente assente, poche volte troveremo delle tracce musicali a far da sfondo alla nostra esplorazione. Non abbiamo riscontrato bug o glitch nelle nostre sessioni di gioco, o meglio non ne abbiamo riscontrati di particolare importanza per quanto concerne il gameplay.

In Conclusione

In conclusione nonostante il forte hype che si era creato per l'uscita, ci sentiamo un po' delusi da questo gioco su cui puntavamo molto, al contrario di Resident Evil 2 Remake, questa volta Capcom non ha fatto un lavoro eccelso, rendendo il gioco molto più frenetico, che sì, magari alla prima run può coinvolgere il giocatore, ma che presto si stufa.

Al momento non ci sentiamo di consigliare l'immediato acquisto ma di attendere che almeno il prezzo cali un po' o che Capcom possa fare qualcosa per ampliare l'esperienza videoludica con qualche DLC.

PRO

  • Storia rivoluzionata e ben realizzata
  • Ottima qualità grafica...

CONTRO

  • ...anche se con qualche difetto non da poco
  • Scarsa longevità
Trama 100/100
Gameplay 100/100
Comparto Tecnico 80/100
Comparto Audio 80/100
Rapporto Qualità/Prezzo 60/100

Voto Finale

84/100

RESIDENT EVIL 3