Nightmare Reaper è un gioco FPS ispirato ai classici sparatutto, con protagonista una donna in cura psichiatrica.

Sviluppato e pubblicato da Blazing Bit Games su Steam, Nightmare Reaper è un gioco FPS in 2.5D ispirato ai classici sparatutto come Doom e Quake (in alcuni aspetti ricorda infatti Brutal Doom). Il gioco, facendo l’occhiolino a Doom, è diviso in episodi, e quello che per ora è disponibile in Early Access è il primo.
E’ uscito di recente su Steam Early Access, e noi, già intrigati da questo titolo fin dai primi trailer rilasciati, siamo riusciti a provarlo per voi, con gentile concessione da Blazing Bit Games.

Menù

Viene subito all’occhio che il menù durante il gioco è consultabile su di una specie di console portatile: il menù in sé è ben realizzato e le opzioni sono tante e ben pensate, con la possibilità di cambiare persino i comandi per il menù stesso (che andranno a influenzare anche l’albero delle abilità)

Storia

Nightmare Reaper ha una trama abbastanza inquietante, che inizia con la seguente premessa: la protagonista è una donna piuttosto giovane, rinchiusa in un manicomio o comunque in una sorta di casa di cura psichiatrica, che per fuggire dalla triste realtà, si rifugia nei suoi sogni, dove sfoga la sua frustrazione uccidendo e distruggendo tutto, andando avanti di livello in livello.

Man mano che andremo avanti coi livelli, sul tavolo verrà aggiunto un nuovo foglietto che ci farà scoprire altri dettagli sulle circostanze della sua “detenzione”, facendoci capire il passato della protagonista e permettendoci di andare avanti con la trama, in un certo senso.

Ho trovato la dualità tra la realtà e il sogno una ottima idea per la narrazione, che ci permette anche di avere un distacco temporaneo dai livelli.

Gameplay

Nightmare Reaper si presenta, come detto in precedenza, come un FPS 2.5D ispirato alle vecchie glorie degli FPS, e riesce nel suo intento, con un gameplay piuttosto semplice ma efficace, composto da un gunplay solido e delle meccaniche molto interessanti.

Armi

Il gioco vanta ben 32 armi (tutte belle da utilizzare) in Early Access, e saranno ben 80 nella versione finale, accompagnati da dei power-up come “Nightmare Reaper”, super-agilità, slow-motion e dual wielding (che viene chiamato “Reflection” e rende lo sprite del personaggio principale simmetrico).

Le armi variano da corpo a corpo (menzione di onore alla motosega con il gancio, una revisione della motosega molto “Doom Eternal”) ad armi da fuoco leggere, fino a lanciarazzi o lanciagranate, o perfino libri magici che potranno congelare, bruciare o far esplodere in mille pezzi i nostri avversari. Le armi presentano tutte una modalità alternativa di fuoco/attacco o la possibilità di mirare. Ogni arma raccolta andrà a finire nell’inventario del livello corrente, permettendoci di equipaggiarle liberamente negli slot disponibili.

E’ possibile anche afferrare e lanciare gli oggetti, tra cui barili esplosivi (con ovvi risultati) e anche torce con cui dar fuoco ai nemici e delle rocce.

Albero delle abilità

Il gioco ha anche un albero delle abilità, sbloccabili utilizzando le monete raccolte durante i livelli e completando un minigioco in stile super-mario, diverso per ogni power-up: una trovata molto carina e unica nel suo genere.

Le abilità variano da semplici munizioni massime in più fino a un dash, il doppio salto, e tante altre piccole comodità che fanno apprezzare parecchio l’andare avanti nei livelli. Sono presenti anche livelli “tesoro” dove raccogliere tante monete, e per passare allo skilltree successivo (si, anche questo è suddiviso in zone), bisogna affrontare un “boss” ispirato a Bowser.

Livelli

Il gioco presenta una breve sezione tutorial che spiega in modo esaustivo le basi del gioco, e subito dopo lancia il giocatore nell’avventura principale.

I livelli sono suddivisi in aree, di solito 3-4 per area, con un livello dedicato alla transizione da un’area all’altra, cosa molto apprezzata perché dà un senso di continuità ai livelli.

Le aree sono molto diverse tra loro stilisticamente e sono ben realizzate, con, da quanto ho potuto apprendere, un sistema di scelta random tra un numero ristretto di livelli dedicati a quell’area (se morite non ripartirete dallo stesso livello ma da un altro della stessa area).

A fine di ogni livello riceveremo dei bonus sui nemici uccisi, sui tesori trovati, e ci verrà concesso di portarci dietro solo una arma, per ora solo di livello 1, vendendo tutte le altre.

Nemici

I nemici sono variegati e tutti ben riconoscibili, ognuno con una sua caratteristica speciale. Si parte dai più semplici zombie con pistole e shotgun, fino ai mostri che esplodono liberando piccoli tentacolini viola esplosivi, oppure draghetti che sputano acido, e così via.

Retrò?

Molte aree hanno delle stanze segrete che dovremo aprire calciando delle pareti facilmente riconoscibili per via di alcune crepe;

inoltre vi sono varie sezioni platform, e alcune sezioni dove bisogna premere pulsanti o superare ostacoli, cosa che fa pensare con un sorriso al caro Quake. E’ presente anche il sistema di chiavi colorate, richiamo palese a quelle di Doom.

Il gioco, nonostante le varie citazioni riesce comunque a distaccarsi dai giochi che va a citare, senza sembrare una semplice mod di Doom, grazie a molti piccoli dettagli come i vari puzzle platform, enigmi e l’albero delle abilità, ma anche al differente modo di gestire le sprite dei nemici: per esempio, usando una katana o qualsiasi arma corpo a corpo, potremo spezzettare i nemici come se fossero dei fogli di carta, con una fisica in stile Metal Gear Rising, cosa piuttosto soddisfacente.

Grafica

La grafica è ben curata e ben realizzata, con delle ottime sprite e delle texture che si adattano perfettamente al gioco. Ma qui un punto dolente, ma giustificabile dall’Early Access: l’ottimizzazione, per ora davvero scarsa (basti pensare che abbiamo dovuto abbassare la grafica sulla RTX 2070 in 1080p ad “Alto” e comunque dava dei segni di cedimento ogni tanto), che a nostro parere è dovuta dalla enorme quantità di particelle, riflessi ed entità presenti nel gioco. Confido in una risoluzione del problema in futuro, siccome immagino che l’obiettivo principale degli sviluppatori sia ora completare l’opera in sé.

Suoni e musica

Colonna sonora

Purtroppo per ora è disponibile solo una traccia musicale, realizzata dal grandissimo Andrew Hulshult (colui che ha fatto il remake delle soundtrack di Doom IDKFA), molto bella ma che diventa piuttosto ripetitiva e mi ha costretto a inserire tracce alternative di sottofondo (sempre di Andrew) manualmente: sono sicuro che ci saranno future tracce in arrivo, e saranno sicuramente di grande impatto.

Effetti sonori

Gli effetti sonori complementano più che dignitosamente il gioco, rendendo soddisfacente ogni uccisione e/o esplosione, accompagnate dalla voce della ragazza che ogni tanto esprime la sua gioia (o il dolore in caso di ferimento).

Conclusioni

Nightmare Reaper è già valido così, a questo prezzo (che hanno promesso di non alzare a fine Early Access) è un ottimo acquisto per chiunque apprezzi i titoli classici che ho citato in questa recensione, portando via dalla realtà e dalle preoccupazioni non solo la nostra protagonista, ma anche noi stessi. Bisogna sempre ricordare che il gioco è ancora in Early Access e ha già tutto questo: consideratelo un investimento a lungo termine: tengo a precisare che l’avrei sicuramente comprato di mio a prescindere.

Il gioco è in sconto del 15% per festeggiare il lancio fino al 23 Luglio. Che il DoomSlayer abbia trovato moglie?

Nightmare Reaper è un gioco FPS ispirato ai classici sparatutto, con protagonista una donna in cura psichiatrica.

PRO

  • Eccellente gunplay
  • Livelli molto variegati
  • Ottima diversificazione dei nemici
  • Tante armi

CONTRO

  • Problemi di ottimizzazione
  • Musica ripetitiva

Trama 70/100
Grafica 85/100
Gameplay 90/100
Audio & Musica 80/100
Rapporto Qualità/Prezzo 85/100

Voto Finale

82/100

Nightmare Reaper

Nightmare Reaper

15,99€
8.2

TRAMA

7.0/10

GAMEPLAY

9.0/10

GRAFICA

8.5/10

COMPARTO TECNICO

8.0/10

RAPPORTO QUALITÀ / PREZZO

8.5/10

Pros

  • Eccellente gunplay
  • Livelli molto variegati
  • Ottima diversificazione dei nemici
  • Tante armi

Cons

  • Problemi di ottimizzazione
  • Musica ripetitiva