2084 è un promettente FPS ambientato nello stesso universo di >OBSERVER_, nato da un progetto GameJam di 72 ore.

Oggi non parleremo del classico FPS, ma di un progetto cyberpunk nato da una sorta di “esercitazione” tra developer.

2084 è un progetto partorito da un game jam interno di 72 ore organizzato da Feardemic con la partecipazione di alcuni membri dei team dietro al classico dell’orrore Layers of Fear e all’horror-cyberpunk acclamato dalla critica >observer_.

Siccome aveva del potenziale (e possiamo confermare) hanno deciso di pubblicarlo e di aggiornarlo periodicamente inserendo man mano altro contenuto.

Il gioco presenta due modalità: Storia, ed Endless. Nulla di particolare da spiegare riguardo l’endless, tranne un piccolo easter egg (il robottino nella lobby di >observer_) e un nemico alternativo, siccome le meccaniche sono le stesse del gioco base.

La storia è ambientata nel… 2084, per l’appunto, ed è nello stesso universo di “>OBSERVER_”, titolo cyberpunk già provato da noi di Game Engineers: condivide per l’appunto alcune delle ambientazioni (anche se rivisitate) del gioco.

La protagonista è Laura Lofi, giovane ricercatrice per la Chiron Incorporated (stessa azienda che ha creato i chip neurali che potevamo “hackerare” su OBSERVER) che, con un casco di realtà virtuale, affronterà, quelli che sembrerebbero i cittadini impazziti per le troppe modifiche cibernetiche; la motivazione è a noi per ora ignota, c’è molto poco di trama attualmente.

La mancanza di dettagli sulla trama purtroppo è un problema; c’è da dire che sono presenti durante il gioco degli schermi contenenti numeri criptici, che sicuramente una volta decriptati, daranno qualche spunto riguardo la storia.

Le cutscenes sono nel mondo reale, la fase di gameplay è direttamente nella realtà virtuale; il gioco è molto semplice, ma efficace: Sparatutto in prima persona, con dash, una sola arma (per ora) e la possibilità di lanciare granate e di hackerare alcuni dei dispositivi intorno, meccanica chiave per proseguire nel gioco.

I nemici

Sono presenti 3 tipi di nemici, a parte le bossfight: persone “normali”, persone che camminano da accovacciate, e persone in miniatura. Presumibilmente, come già detto, questi nemici sono i cittadini che hanno abusato di modifiche cibernetiche ed ora sono impazziti completamente. Quando vengono uccisi, scompaiono del tutto, senza nemmeno cadere a terra, dando ancora di più la sensazione di “realtà virtuale”. Il modello dei nemici è sempre lo stesso, tranne il colore dell’abito e qualche piccolo dettaglio, ma ovviamente ogni tipo di nemico ha il suo modo di attaccare.

Armi e hacking

L’arma a nostra disposizione è una mitragliatrice, piuttosto precisa, che non ha bisogno di ricaricare, ma comunque di munizioni. Possiamo reperirle in giro hackerando qualsiasi dispositivo, ma è particolarmente efficace recuperarle dai distributori “Free energy”, che riforniranno in modo adeguato le nostre scorte.

L’hacking non serve solo a prendere munizioni: sarà necessario anche per aprire delle porte, sbloccare terminali o addirittura usare degli elementi dell’ambiente a nostro favore, come per esempio telecamere-torretta o lavatrici esplosive; si può addirittura hackerare la televisione che alcuni dei nemici portano in testa, per eseguire uno stordimento ad area.

L’hacking viene avviato premendo tasto destro del mouse, mirando su di un dispositivo evidenziato dal bordo blu, colpendolo con una palletta di luce che avvierà l’hacking. Esso viene effettuato premendo i tasti direzionali (con wasd ovviamente) nel modo corretto, da sinistra verso destra.

Framerate, grafica e design

Il framerate è abbastanza stabile, anche se ha dei problemi di stabilità per quanto riguarda l’utilizzo di granate, oppure in caso di un numero di nemici che raggiunge la decina; gli sviluppatori stanno lavorando per sistemare qualsiasi bug o problema, e bisogna considerare che è una versione in early access del gioco, appena uscita.
Ci sono stati solo un paio di bug particolarmente visibili nel playthrough completo, per il resto il gioco ha funzionato a dovere.

Il design dei livelli e l’ambientazione sono principalmente la modifica di quelle originali di OBSERVER: confidiamo che in futuro verrà aggiunto nuovo contenuto che riuscirà comunque a tenere testa alla qualità visiva di OBSERVER.

Musica e audio

La musica generale è abbastanza semplice ma efficace, e la musica “martellante” delle fasi di combattimento si abbina bene all’ambientazione. In un certo senso le due tracce hanno un pizzico di “Cry of Fear”.

I suoni sono di qualità ma nulla di eccezionale, ovviamente è uno dei dettagli che va curato dopo aver inserito il resto del gioco.

In conclusione

Il gioco, così come è ora, è durato meno di 50 minuti, ma è solo un assaggio, una dimostrazione di quello che potrebbe essere in futuro. Se siete amanti del Cyberpunk sicuramente vorrete tenere d’occhio lo sviluppo del gioco. Noi di Game Engineers siamo molto speranzosi riguardo questo gioco, che sembra promettere bene.

2084 è un promettente FPS ambientato nello stesso universo di >OBSERVER_, nato da un progetto GameJam di 72 ore.

PRO

  • Ambientazione fenomenale
  • Semplice da giocare
  • Meccaniche interessanti

CONTRO

  • Breve
  • Piccoli problemi di ottimizzazione
  • Poche armi
Grafica 80/100
Gameplay 70/100
Audio & Musica 75/100
Rapporto Qualità/Prezzo 70/100

Voto Finale

76/100

2084

7,37€
7.4

GAMEPLAY

7.0/10

GRAFICA

8.0/10

COMPARTO SONORO

7.5/10

RAPPORTO QUALITA'/PREZZO

7.0/10

Pros

  • Ambientazione fenomenale
  • Semplice da giocare
  • Meccaniche interessanti
  • Potenziale alto

Cons

  • Breve
  • Piccoli problemi prestazionali
  • Poche armi